MammaBoom

I 10+1 piatti della cucina italiana preferiti dagli stranieri!
Con qualche suggerimento da MammaBoom.com, per 'forestieri' ovvio!

ADV-28
Master-Chef
19 Febbraio 2020
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su tumblr
Lasagna al pesto o alla “Portofino”

Fresca, saporita e deliziosamente semplice, la cucina italiana, baciata dal sole, è la dolce vita nel piatto. 

Mangiare è una delle più grandi gioie di un viaggio in Italia, una visione vivida della cultura e delle tradizioni di ogni regione. I piatti italiani sono fatti con ingredienti di stagione e senza pretese, eppure hanno il sapore di qualcosa che potresti trovare solo in un ristorante stellato Michelin.

Cercare di determinare quali sono i piatti migliori è come provare a dimostrare che la pizza è migliore della pasta – è una questione strettamente personale – e so che ognuno ha la propria insindacabile opinione, ma abbiamo fatto un’indagine tra decine di turisti che vengono in Italia e questo è il risultato (con qualche suggerimento per apprezzare al meglio il nostro patrimonio culinario).

Ah!, più 1 perché in dieci proprio non ci stavano!

MammaBoom

La Pizza il piatto italiano più famoso al mondo.

Composta da una base di pasta lievitata arricchita da pomodoro, mozzarella (nella margherita) o aglio (nella marinara), olio extravergine di oliva ed erbe aromatiche (basilico nella margherita e origano nella marinara).
Facile, economica e abbondante, la pizza è stata a lungo uno spuntino o un pasto comune, soprattutto a Napoli, dove è stata aggiunta la salsa di pomodoro.
La pizza, così come la conosciamo noi, arrivò nel 1889, quando il cuoco napoletano Raffaele Esposito creò la pizza Margherita in onore della Regina Margherita di Savoia: pomodoro, mozzarella e basilico per onorare la Regina e l’Italia! Sia per coincidenza che per design, la Margherita mostra anche i colori della bandiera italiana.
Oggi ci sono essenzialmente due tipi di pizza tra cui scegliere in Italia: la pizza in stile napoletano o la pizza in stile romano.
La pizza alla napoletana ha una crosta spessa e soffice. Tende ad essere un po’ più piccola di diametro perché l’impasto non è stato molto tirato.
La pizza in stile romano ha una crosta sottilissima e ha un diametro maggiore ed in genere è più leggera.
La regola generale per ordinare la pizza in Italia è quella di gustarla con il minor numero di condimenti. Meno condimenti sono un segno di fiducia nella qualità del prodotto utilizzato.

L’altra regola fondamentale è:
“Quando sei a Roma, fai come fanno i romani, mangia pizza alla romana; quando sei a Napoli, naturalmente, fai come fanno i napoletani, mangia pizza napoletana”.

MammaBoom

La Lasagna

Come la maggior parte dei piatti italiani, l’origine è un tema molto dibattuto, ma possiamo almeno dire che la sua roccaforte è nella regione dell’Emilia-Romagna, dove si trasforma da cibo povero a ricco pasto ripieno di ragù.
Tradizionalmente la lasagna non era fatta con i pomodori (ricorda, che vennero importati dal Nuovo Mondo nel 16° secolo); solo ragù, besciamella e formaggio, solitamente mozzarella o Parmigiano Reggiano o una combinazione dei due.
Ancora oggi, solo poco pomodoro o salsa di pomodoro viene utilizzato in un ragù tradizionale, a differenza della maggior parte dei piatti italo-americani, dove praticamente la lasagna nuota nella salsa di pomodoro.
Questo concentrato di sapore di carne a volte però, può essere un po’ stridente per i palati americani.
Anche se puoi trovare le lasagne in tutta Italia, non c’è niente come gustare il piatto in Emilia Romagna con pasta fatta in casa, ragù fresco e una generosa dose di orgoglio regionale.
Se vuoi replicare il delizioso piatto a casa, puoi dare un’occhiata alla nostra ricetta di lasagne.
Lasagna
Scopri la nostra ricetta
MammaBoom

La bistecca alla fiorentina

La bistecca alla fiorentina, è un particolare taglio di carne proveniente da uno specifico bovino, preparata in modo molto particolare in una determinate regione.
Secondo l’Accademia della Fiorentina una bistecca per essere definita “Fiorentina” deve provenire da bovini di età compresa tra i 15 e i 18 mesi. Sono rigorosamente bistecche con l’osso nelle quali siano presenti filetto e controfiletto e devono provenire dalla razza Chianina Toscana. Deve essere tagliata spessa (almeno 5 centimetri) e viene cucinata per 5-7 minuti su ciascun lato, a seconda dello spessore, fino a quando l’esterno è cotto e l’interno rimane al sangue. Non ha senso chiedere quindi una bistecca cottura media o ben cotta, la carne è troppo spessa anche solo per pensarci!
Nonostante tutto, ci sono alcune varianti sulla bistecca alla fiorentina, infatti per essere definita tale deve provenire dal Vitellone bianco dell’Appennino Centrale (Chianina, Marchigiana e Romagnola) e quindi la carne non è sempre di Chianina. Per molti fiorentini l’aggiunta di nuove razze va bene, altri sostengono che le enormi dimensioni e la muscolatura della Chianina la rendono unica tra le bistecche. Inoltre, i fiorentini tendono a preferire i tagli più alti, più vicini alla spalla, che contengono il filetto noto come bistecca di costata, in quanto proviene da un muscolo che lavora maggiormente, il che significa che è più saporito.
MammaBoom

La ribollita

La ribollita è una zuppa tradizionale fiorentina a base di cavolo nero, pane toscano raffermo, fagioli cannellini ed olio “quello bono!” extravergine di oliva: tutti elementi fondamentali della cucina toscana.

Appare verosimile che il nome sia da attribuirsi all’estro di qualche ristoratore. Infatti, negli annali della cucina era conosciuta come “zuppa toscana di magro dei contadini” e, in questo modo, viene definita anche da Pellegrino Artusi nel suo celebre ricettario.
Il nome stesso del piatto lascia intuire che, per la sua preparazione, si procedeva ad una ribollitura degli avanzi dei vari pasti serviti durante la settimana che venivano “ravvivati” mediante la loro mescolatura ed ulteriore cottura.
Già in età medievale, è chiaro che fosse diffusa una zuppa di recupero che può essere considerata la diretta antenata dell’attuale ribollita.

Il piatto è consumato specialmente in autunno, quando il sapore del cavolo nero riccio di Toscana è più vivace e la zuppa esplode con un’intensità nonostante l’assenza di carne (almeno nelle versioni tradizionali).
Nelle trattorie di Firenze è spesso mangiato come primo piatto al posto della pasta.
MammaBoom

La polenta

Anche se tendiamo ad associare la pasta con tutta l’Italia, la verità è che fino a poco tempo fa, l’amido di base mangiato nelle zone settentrionali dello stivale era la polenta.
Questa ‘poltiglia’ di mais, che è quasi identica alle macine consumate negli stati meridionali d’America (le variazioni dipendono dalla ruvidezza o finezza con cui i chicchi di mais sono macinati), era originariamente prodotta da qualunque amido fosse utile, comprese le ghiande e il grano saraceno.
Tuttavia, l’introduzione del mais in Europa nel XVI secolo lo vide diventare l’ingrediente dominante della polenta.
Anche se manca la varietà di forme e consistenze della pasta, la polenta è l’accompagnamento perfetto per una vasta gamma di carni, in particolare carni in umido, ed è senza dubbio uno degli alimenti più confortevoli che si possono mangiare quando le temperature scendono parecchio in città come Milano, Torino e Venezia.
Un suggerimento: gustala al naturale o fritta a cubetti, ma se riesci provala sulla spianatora; una volta pronta, si versa sulla spianatora, una tavola messa sul tavolino e ci si siede tutti intorno, ognuno a mangiare la sua parte di polenta.
polenta
MammaBoom

L’ossobuco

L’ossobuco alla milanese, famoso in tutto il mondo, è uno stinco di vitello con osso, cotto a fuoco basso e lento fino a quando non si è sciolto in un brodo di carne, vino bianco e verdure.
Tradizionalmente, è accompagnato da una gremolata (scorza di limone, aglio e prezzemolo).
Anche se ai milanesi piace reclamare questo carnoso capolavoro ce ne sono tante versioni, quante sono le nonne in Lombardia.
Nonostante la popolarità dell’ossobuco (che letteralmente significa ‘osso cavo’), non è sempre comune vederlo nei menu dei ristoranti in quanto richiede oltre tre ore di cottura.
Se hai la possibilità di mangiarlo in un ristorante o in casa, o anche di cucinartelo da solo, non dovresti perdere l’occasione.

Di solito è accompagnato da polenta o dal prossimo piatto della nostra lista.
ossobuco
MammaBoom

Il risotto

Dopo Pasta, Pane e Pizza in Italia troviamo il riso e quando pensiamo ai risotti una cosa è certa, stiamo parlando dei tipici primi piatti italiani conosciuti in tutto il mondo.
Gli italiani non sono dei grandi consumatori di riso anche se sono i maggiori produttori in Europa.
In Lombardia e in Piemonte vengono coltivate le varietà Arborio e Carnaroli, che danno vita a ricette uniche e inconfondibili nella preparazione dei risotti.
Il risotto più famoso è probabilmente il risotto alla milanese, inventato secondo una leggenda nel 1574 alla tavola del vetraio belga Valerio di Fiandra, che all’epoca risiedeva a Milano, poiché stava lavorando alle vetrate del Duomo.
Per il matrimonio di sua figlia i suoi colleghi vetrai fecero aggiungere a un risotto bianco al burro dello zafferano: questa spezia era infatti utilizzata dai vetrai per ottenere una particolare colorazione gialla dei vetri.
Il nuovo piatto ebbe subito successo, sia per il suo sapore che per la sua tonalità gialla, che ricordava l’oro, sinonimo di ricchezza.
Altre versioni classiche sono il risotto al nero di seppia (con inchiostro di seppia) e i risi e bisi (con pancetta e piselli), entrambi di origine veneziana.
risotto-milanese2
MammaBoom

La carbonara

È impossibile stare in Italia e caparbiamente non mangiare mai la pasta. Ho provato, ma e veramente difficile.
In ogni caso, se c’è una pasta che dovresti provare almeno una volta, il nostro voto va decisamente alla carbonara (sappiamo che è un punto controverso – sentitevi liberi di indicare la vostra pasta preferita nei commenti).
Questo piatto è apparentemente semplice – spaghetti, uova, formaggio pecorino (romano), guanciale stagionato e pepe nero – ma richiede una grande abilità e una buona realizzazione vi cambierà la tua vita!
Ci sono molte variazioni , che definirei imitazioni, vale a dire quelle che addensano la salsa con la crema o usano la pancetta al posto del guanciale.
Qui non sono ammesse variazioni perché la differenza nel gusto finale è enorme.
Questa è una specialità romana, ma anche nella capitale ci sono molti ristoranti che possono anche sbagliare.
Il modo migliore per assicurarti che ti sia servita una versione da manuale è avere una ‘dritta’ da un vero romano.
Dunque, non stai cercando semplicemente un buon ristorante, ma un ristorante che serve, in particolare, una grande carbonara.
Qui la nostra ricetta originale.

Carbonara
Scopri la nostra ricetta
MammaBoom

Il tartufo

Ah! i tartufi.
Questo fungo pungente e inafferrabile è uno dei cibi più costosi e ambiti al mondo, e l’Italia è uno dei pochi paesi in cui si trovano in abbondanza!
Lo si può scovare nelle foreste e nelle montagne dell’Umbria e del Piemonte con i cani o i maiali addestrati a fiutarlo.
I tartufi in Italia si presentano in due forme: il tartufo bianco più raro e aromatico, o il tartufo nero leggermente meno aromatico e leggermente più comune.
L’aroma è ultraterreno, anche se non uguale per tutti. Tuttavia, la loro popolarità imperversa e i tartufi sono uno dei cibi autunnali preferiti di tutti i tempi in Italia!
Vuoi provarli nel tuo prossimo viaggio in Italia?
Innanzitutto, inizia con la tua destinazione.
I tartufi crescono naturalmente in Umbria, Toscana e Piemonte, quindi in queste zone è più probabile trovare tartufi freschi nei piatti locali, ma solo se andate in autunno. Durante qualsiasi altro periodo dell’anno, i tartufi saranno importati o congelati.
Famoso è il Festival Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba in Piemonte che si tiene ogni ottobre e novembre.
Se stai per provare il tartufo per la prima volta ti suggeriamo di iniziare con una pasta fresca ricoperta di sottili scaglie di tartufo, ma ci sono molte altre opzioni tra cui scegliere!
I tartufi comunemente vengono impiegati sulla pasta, risotti e omelette, o usati in salse per bistecche o altri piatti a base di carne.
tagliatelle-al-tartufo
MammaBoom

Il pane

Ci sono centinaia di tipi di pane in Italia, e il migliore è quello cotto ogni mattina. Ma non puoi andartene senza averne provato almeno alcuni tipi che, la solida cultura del forno italiana, ha concepito nel corso della storia.
Ad esempio, il pane in Toscana ha un sapore diverso da quello che ha in qualunque altro posto, perché è fatto senza sale. Questa tradizione ha avuto origine dalle faide tra la Toscana e le regioni costiere che controllavano il commercio del sale.
Fino ad oggi, il pane toscano si consuma al meglio con un filo d’olio d’oliva e sale.
La Liguria è la patria della famosissima focaccia. Ricca di una spessa pasta per pizza è iper-salata, condita con olio d’oliva e praticamente irresistibile da sola o se trasformata in un panino. Spesso viene servita aperta, con condimenti come rosmarino, zucchine, formaggio e olive.
In Sardegna, il pane classico non assomiglia affatto al pane, ma appare molto più simile a una pita. Il pane carasau, prende il nome dalla parola carasare, che significa brindare. Non sorprende che questo pane sottilissimo venga sempre tostato dopo la cottura, dandogli la sua meravigliosa croccantezza!
Non posso ipotizzare quale pane ti piacerà di più, ma possiamo dirti che non devi mai perdere l’occasione di assaggiarne uno nuovo.
Dalle città più grandi a quelle più piccole, non sei mai lontano da una panetteria, quindi fermati e prendi qualche pagnotta ogni volta che ne hai la possibilità.
La pagnotta di Sezze
La pagnotta di Sezze
MammaBoom

+1 | Eccoli gli arancini e i supplì

Ai nostri amici siciliani non piace che accostiamo il loro amato arancino con il cugino romano, il supplì e viceversa, ma resta il fatto che quando sei in Italia dovresti provare almeno un dei due appena sfornata.
Queste bombe di amido si trovano nei bar, nei ristoranti e nelle bancarelle dei mercati in tutta Italia, ma se li ordinate, è utile conoscerne la differenza.
L’arancino siciliano è più grande e di forma conica o circolare. In realtà, il suo nome significa “piccola arancia”. È tipicamente riempito con ragù e formaggio, piselli, funghi o melanzane. Troverete anche arancini speciali come quelli alla carbonara, anche se i tradizionalisti tendono a storcere il naso per queste novità.
I Supplì sono una specialità romana che si trova solitamente nelle pizzerie come antipasto. Sono di forma oblunga e tradizionalmente contengono solo riso, salsa di pomodoro e un grosso pezzo di mozzarella. Il loro soprannome “telefono” deriva dall’idea che quando li apri a metà un sottile filo di formaggio fuso dovrebbe collegare le due estremità!
Arancini
MammaBoom
Master-Chef

MammaBoom Consiglia

Pane fatto in casa
Pane

Pane fatto in casa

La magia del pane fatto in casa …. una preparazione facile e divertente.
La ricetta prevede l’utilizzo di ingredienti semplici come la farina, l’acqua, un pizzico di sale e tanto amore.
Il profumo del pane appena sfornato è da sempre sinonimo di casa.

Leggi Tutto »
Polpette al sugo
Antipasto

Polpette al sugo

Le polpette al sugo sono un piatto facile da preparare, con un impasto composto da pochissimi ingredienti: carne macinata mista (generalmente di manzo e di maiale), pane raffermo, parmigiano, uovo e prezzemolo.

Leggi Tutto »

Condividi questa pagina

Questa raccolta di piatti non è né una classifica,  né tanto meno esaustiva rispetto all’incredibile quantità di pietanze incredibili da gustare in Italia, dunque aspetto le vostre opinioni, riscontri e suggerimenti, se ce ne sono.

Se avete apprezzato questo articolo, non dimenticate di condividerlo con i vostri amici!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su tumblr
Tumblr