Pizza bufala e alici di Cetara

La Pizza bufala e alici di Cetara si distingue per la qualità dell’impasto, garantito dalla lunga lievitazione, e per la qualità e la bontà degli ingredienti. Il sapore unico e il profumo inebriante vi porterà con il pensiero ad Amalfi.

Pizza bufala e alici di Cetara

Lettore
29 Gennaio 2020
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su tumblr

La Pizza bufala e alici di Cetara si distingue per la qualità dell’impasto, garantito dalla lunga lievitazione, e per la qualità e la bontà degli ingredienti.

Il sapore unico e il profumo inebriante vi porterà con il pensiero ad Amalfi.

Impasto_Pizza
Preparazione

30 Minuti + 6/8 ore di lievitazione

Cottura

15 Minuti

Tempo totale

45 Minuti

Porzioni

2 Persone

Cal/Por.

1050 kcal

Ingredienti

Per l’impasto

  • 300 gr di farina tipo ‘00’
  • 200 gr di farina manitoba
  • 300 ml di acqua a temperatura ambiente
  • 10 gr di lievito di birra fresco
  • 10 ml di olio extravergine di oliva
  • 10 gr di sale fino
  • ½ cucchiaino di zucchero

Per condire

  • 500 gr di polpa di pomodoro
  • 400 gr di mozzarella di bufala
  • 8 filetti di alici di Cetara
  • 1 cucchiaino di origano 
  • 1 cucchiaino sale fino
  • 4/8 foglie di basilico
  • Olio extravergine d’oliva

Istruzioni

  1. In una ciotola capiente o nella planetaria mettete l’acqua, il lievito di birra e lo zucchero, mescolate fino a quando il lievito si scioglie completamente. Versate gradualmente la farina e impastate in modo che questa venga assorbita completamente dall’acqua. Continuate fino a quando la farina non è conclusa e completamente assorbita. Aggiungete anche il sale e l’olio e continuate ad impastare per 10 minuti circa, fino a quando la pasta si è staccata dalle pareti della ciotola e avrete ottenuto un panetto morbido.

  2. Mettete a lievitare il panetto direttamente nella planetaria o in una ciotola pulita, coperto con un canovaccio fino al raddoppio di volume (potete metterlo nel forno spento con la luce accesa a 26-28°C), in 2 ore circa lieviterà.

  3. Trascorso il tempo della lievitazione, l’impasto sarà bello gonfio, quindi trasferitelo sul piano da lavoro leggermente infarinato e dividetelo a metà, se fate la pizza nella teglia e in 4 parti se fate la pizza tonda. Date una piega all’impasto, (immaginate che la sfera sia divisa in 4 parti, prendete l’estremità di ognuna, tiratela delicatamente e ripiegatela verso il centro) infine dategli la forma di una sfera, capovolgetelo e procedete con la pirlatura, ossia arrotondarlo facendolo girare tra le mani o sul piano di lavoro dandogli una forma sferica regolare. La pasta non si deve mai strappare perché si rovinerebbe la maglia glutinica già formata.

  4. Trasferite i panetti su un vassoio e lasciate lievitare per almeno altre 4 ore (anche 6 ore in inverno) sempre coperti con pellicola o con un canovaccio. Trascorso il tempo, prendete delicatamente ogni panetto, stendetelo con le mani o con il matterello aiutandovi con la farina per non farlo attaccare fino ad ottenere la forma desiderata. Tale procedura andrà realizzata sfruttando le dita di entrambe le mani, con un movimento che dia l’idea di spingere ai bordi l’aria contenuta nell’impasto, premendolo e ruotandolo più volte per ottenere un risultato uniforme.

  5. Ungete la teglia, oppure mettete della carta da forno, ed adagiate l’impasto fino a ricoprire tutta la superficie. Lasciate lievitare ancora per 1 ora dopodiché potete procedete con il condimento.

  6. Mettete un colino su una ciotola e con le mani sfilacciate la mozzarella e mettetela nel colino, in questo modo perderà tutto il siero in eccesso. Versate la polpa di pomodoro in un’altra ciotola, conditela con il sale un giro d’olio l’origano e mescolate il tutto. Distribuite la polpa di pomodoro condito sull’impasto e infornate a 250°C per 10/12 minuti. Trascorso questo tempo, sfornate la pizza, aggiungete la mozzarella, i filetti di alici e infornate nuovamente per 3/4 minuti alla stessa temperatura. Quindi sfornate la vostra pizza e guarnite con le foglioline di basilico spezzettato.

mamma-boom

Suggerite per te

Salsa verde piccante

Salsa verde piccante

La salsa verde piccante è un condimento base, realizzato con prezzemolo fresco, aglio e peperoncino. È una variante della salsa verde e si utilizza come accompagnamento alle carni lesse. Ottima anche per condire gli spaghetti o servita sulle bruschette.

Leggi Tutto »
Bigoli in salsa

Bigoli in salsa

I Bigoli in salsa è la più tipica ricetta Veneziana per condire la pasta.
Un primo piatto dal sapore corposo, realizzato con pasta in grano duro serviti con una speciale salsa di cipolle e sarde.

Leggi Tutto »
Vellutata di piselli

Vellutata di piselli

La vellutata di piselli è una ricetta facile e veloce per un primo piatto vegetariano dal gusto delicato e dalla consistenza ricca e appagante. Si può gustare con crostini di pane e con l’aggiunta di panna acida o yogurt greco. Ottima anche servita con del parmigiano Reggiano grattugiato.

Leggi Tutto »
Insalata di fagiolini uova e tonno

Insalata di fagiolini uova e tonno

L’insalata di fagiolini e uova, arricchita dal tonno alla piastra, pomodorini e insalata è un piatto leggero, facile da preparare ma ricco di sapore. Ideale come piatto unico per un pranzo estivo o da portare ad una gita fuoriporta.

Leggi Tutto »
Sarde in saor

Sarde in saor

Le sarde in saor sono un piatto tipico della cucina veneta. Viene generalmente servito come antipasto: le sarde vengono marinate in cipolla e aceto, poi insaporite con uvetta e pinoli e fritte per assaporarne al meglio l’aroma agrodolce.

Leggi Tutto »

Brasato al Barolo

Il brasato al Barolo rientra nei grandi classici della cucina italiana, la cui preparazione non è affatto complessa ma richiede una lunga marinatura, con ottimo vino e le giuste spezie e una cottura lenta e amorevole. Il risultato è un piatto gustoso, ricco di sapori, da accompagnare con una bottiglia di Barolo.

Leggi Tutto »

MammaBoom.com usa cookie necessari al corretto funzionamento del sito web. A seconda delle tue preferenze, MammaBoom.com può anche usare cookie per migliorare la tua esperienza, rendere sicuri e memorizzare i dati di accesso, gestire la sessione, raccogliere statistiche, ottimizzare le funzionalità del sito e fornire contenuti personalizzati in base ai tuoi interessi. Rispettiamo le tue preferenze, sia qui che in applicazioni specifiche dove richiederemo specificamente ulteriori preferenze per i cookie. Clicca su “Accetta e Chiudi” per procedere con le impostazioni standard di MammaBoom.com per accettare i cookie e andare direttamente al sito o clicca su "Cookies Policy" per una dettagliata descrizione della tipologia di cookie. Altrimenti DECLINA